Il tuo carrello

#CURACITTÀ VENEZIA VS MARGHERA E LA CITTÀ-PAESAGGIO

di Vanore M. (cur.); Triches M. (cur.)

Casa editrice: Quodlibet

Disponibilità: In-stock

  • TRADUTTORE:
  • COLLANA: La città come cura e la cura della città
  • ANNO EDIZIONE: 2021
  • IN COMMERCIO DAL: 04/08/2021
  • PAGINE: 256
  • SEZIONE: ARTI
  • DETTAGLIO: Pianificazione urbanistica, aspetti architettonici
  • EAN: 9788822905550
  • LISTINO: 24,00 €
Quantità

ISBN: 9788822905550

Categorie: | POLITICA E ATTUALITA'

Tags

#Curacittà Venezia vs Marghera e la città-paesaggio

Il volume raccoglie gli esiti della ricerca progettuale svolta presso l'Università Iuav di Venezia nell'ambito del PRIN La città come cura e la cura della città. Vari contributi mettono qui a confronto due parti di Venezia per molti aspetti antitetiche: il centro storico insulare e il quartiere di Marghera, nell'intento di individuare strategie di riqualificazione capaci di favorire un abitare sostenibile, supportato da stili di vita attivi e salutari. Nel ristabilire relazioni delle parti urbane di terraferma con quanto è posto al di là di margini, recinti o barriere, la cura della città lagunare si prefigura in particolare attraverso progetti inclusivi, capaci di integrare negli spazi aperti condivisi quei valori dei paesaggi d'acque cui appartengono. Lo stato di salute di una città molteplice viene indagato attraverso varie letture, tra cui la ricomposizione e interpretazione dei dati sulla qualità della vita dei suoi abitanti, le condizioni ambientali e la diffusione di malattie croniche non trasmissibili tra centro storico insulare e terraferma. L'esame di sistemi, spazi e servizi di cura, attivi o potenziali, coinvolge la mobilità, i valori riconosciuti dell'ambiente costruito, le trasformazioni in atto, gli spazi verdi e non ultimo il ruolo determinante dei luoghi di condivisione per una riqualificazione diffusa. L'infrastrutturazione del benessere articolata in sistemi di percorrenza ciclopedonale, tra strade vitali e oasi urbane, coinvolge soprattutto quelle aree di transizione individuate come soglie abitate che valorizzano i luoghi di margine in rapporto alla città-paesaggio.