Il tuo carrello

CECHOV IN ITALIA. LA DUCHESSA D'ANDRIA E ALTRE TRADUZIONI (1905-1936)

di Marcucci Giulia

Casa editrice: Quodlibet

Disponibilità: In-stock

  • TRADUTTORE:
  • COLLANA:
  • ANNO EDIZIONE: 2022
  • IN COMMERCIO DAL: 03/08/2022
  • PAGINE: 187
  • SEZIONE: LETTERATURA
  • DETTAGLIO: Letteratura, storia e critica: letteratura dal 1900
  • ISBN: 9788822908605
  • LISTINO: 18,00 €
Quantità

ISBN: 9788822908605

Categorie: | NARRATIVA

Tags

CECHOV IN ITALIA. LA DUCHESSA D'ANDRIA E ALTRE TRADUZIONI (1905-1936)

I racconti che Anton Pavlovic Cechov scrive fra il 1880 e la morte, nel 1904, arrivano in Italia con grande rapidità, e contribuiscono a cambiare il paesaggio letterario. Li traducono intellettuali russi (e soprattutto russe) emigrati in Italia: Nina Romonavskaja, Olga Resnevic-Signorelli, Olga Malavasi. E li traduce una strana coppia: il vociano Ardengo Soffici e il pittore russo Sergej Jastrebcov. Un contributo decisivo viene da Enrichetta Capecelatro Carafa duchessa d’Andria, una narratrice napoletana amica di Croce, che nel 1936 pubblica un’edizione autorevole delle novelle cechoviane. La storia di questi traduttori e di queste traduttrici si mescola al lavoro di russisti militanti come Leone Ginzburg e di fondatori della slavistica italiana come Ettore Lo Gatto, e incrocia lo sguardo di critici autorevoli come Giuseppe Antonio Borgese e Pietro Pancrazi. Questo libro è dedicato all’intreccio fertile di vite e di attività traduttive, critiche, editoriali, facendo centro soprattutto sul lavoro originale della duchessa d’Andria. Come sono le sue traduzioni? E qual è il canone di testi proposto? Allo studio, anche contrastivo, delle traduzioni si affianca una ricognizione critica dei racconti selezionati, nella convinzione che studiare una traduzione e l’accoglienza di un autore in un altro contesto linguistico e culturale comporti un movimento critico su più livelli.