Il tuo carrello

TikTok sta rivoluzionando il mercato dell’editoria?

Tra classici e libri che fanno piangere, come si raccontano i libri su TikTok

Milioni di visualizzazioni, e aumento delle vendite. Un fenomeno non trascurabile, che sta prendendo piede anche in Italia.

TikTok sta rivoluzionando il mercato dell’editoria?

Ormai ne avrai sentito parlare. Da qualche settimana TikTok è parecchio dibattuto anche nel mondo dell’editoria. Il fenomeno riguarda soprattutto l’estero, ma anche in Italia si sta smuovendo qualcosa di interessante. Il social si è improvvisamente popolato di giovani tiktoker che promuovono romanzi, non soltanto ultime uscite ma anche classici, riuscendo a far raggiungere a questi titoli straordinari risultati di vendita.

Il trend è legato ad un hashtag: #BookTok, che è stato in grado di raccogliere circa 7,2 miliardi di visualizzazioni in brevissimo tempo. In Italia gli hashtag #booktokitalia e #booktokita hanno raggiunto 28 milioni di visualizzazioni.

Club del libro e libri che fanno piangere

BookTok è il futuro dei book club? Il format dei contenuti previsti dal social viene sfruttato per consigliare, svelare e raccontare i libri. Gli utenti in meno di un minuto filmano i consigli, mostrano le reazioni che ha suscitato in loro la lettura: alcuni piangono dopo aver letto il finale, o qualche riga. In breve tempo "Books that make you cry” (libri che ti fanno commuovere) è diventata una query di ricerca popolarissima.

Ma la tipologia di video cambia, è variegata. Oltre a filmare sorrisi o lacrime, a seconda delle emozioni suscitate dal romanzo, si trovano suggerimenti di libri scelti per la copertina, recitazione di scene (addirittura in costume) e simulazioni dell’ambientazione del libro consigliato. Alcuni offrono consigli su come sistemare la libreria, e altri ancora presentano autori a cui domandare consigli di lettura.

La rivincita del genere

In questo mare magnum di proposte c’è un genere che emerge su tutti: il fantasy. Insieme ai romanzi distopici e agli Young Adult. Le storie tormentate di adolescenti innamorati sono capaci di catturare milioni di follower in attesa del fatidico lieto fine. Storie d’amore rigorosamente universale, in cui non c’è spazio per la discriminazione di genere. Ne è un esempio La canzone di Achille, la rivisitazione YA e queer dell’Iliade, scritta da Madeline Miller e pubblicato da Ecco, che fa parte del gruppo editoriale HarperCollins, in Italia pubblicato da Marsilio.

Per comprendere la portata di questi flussi di contenuti possiamo citare il caso delle sedi newyorkesi della catena Barnes & Nobles che grazie a un passaparola su TikTok hanno venduto 10.000 copie alla settimana. E ad oggi la stessa Barnes & Nobles ha una sezione dedicata a BookTok intitolata proprio Teens & YA. Più in generale i booktoker sostengono la comunità Lgbt+: l’hashtag #queerbooktok, ha ottenuto più di 750mila visualizzazioni.

Fantasy, libri sulle serie tv e classici

In Italia alcuni nomi ormai cominciano a farsi notare: Martina Lovato, Jessica Matarrelli e @thisisthenorth_book sono solo alcuni nomi di booktoker italiane che hanno superato le decine di migliaia di follower. Sui loro profili privilegiano soprattutto romanzi Young Adult o fantasy, ma i loro libri preferiti sono i classici. E a proposito di classici. Negli Stati Uniti sono tornati alla ribalta alcuni titoli pubblicati in passato, e le case editrici incuriosite da questi risultati stanno già cercando di cavalcare l’onda.

E non solo le case editrici, anche gli autori. È il caso di Rupi Kaur, la poetessa che ha riscosso un incredibile successo su Instagram e che recentemente ha aperto un canale TikTok, che nonostante abbia una crescita lenta dimostra quanto le sue raccolte di poesia siano in grado di conquistare i lettori. Per ora in Italia non si trovano situazioni analoghe, ma probabilmente anche gli autori e le autrici italiane non resteranno a guardare.